Libri cartacei,
per i nostalgici del vecchio modo di leggere
Cruijff

Johan Cruijff

Stefano Bedeschi

Oggi, ogni giocatore ha la sua maglia personalizzata, con un numero che lo identifica perfettamente. Ma negli anni Settanta la numerazione era rigorosamente dall’uno all’undici e mai nessuno si sarebbe sognato di personalizzare la propria maglia. Nessuno tranne lui, Johan Cruijff. Come nacque questa simbiosi fra il fuoriclasse olandese e il numero quattordici è spiegato in questo libro. Da quel momento Cruijff diventa il numero quattordici e il numero quattordici rappresenta Cruijff. Anche in questo, come nel modo di giocare e nel modo di vivere, Johan ha anticipato i tempi, segno di un’intelligenza non comune per quel periodo. Giocatore universale, fuoriclasse assoluto, leader indiscusso di quella che è stata una delle squadre più belle del mondo: la cosiddetta Arancia Meccanica, la Nazionale olandese dei primi anni Settanta.
Ma come dimenticare l’Ajax delle tre Coppa dei Campioni consecutive oppure il Barcellona, capace di vincere la Liga al termine di una rimonta quasi impossibile?
In questo libro c’è tutto Johan Cruijff. Dall’infanzia difficile agli ultimi momenti vissuti sul campo. Dall’allenatore super vincente al dirigente scomodo. Perché questo è Johan Crujff, il numero quattordici.

Annotazione:   AL MOMENTO NON DISPONIBILE!!!! Questo libro non fa parte della promozione.
7,50 €
Per ulteriori informazioni sull´acquisto, visitace la sezione come acquistare.

Voglio acquistare questo libro eBook


formato:  Libri Cartacei     
pagine:  88
anno di pubblicazione:  2015



TOP